EventiIn Italia

Lo Storming Pizza è tornato ad H-Farm!

Per il suo secondo appuntamento estivo giovedì 18 luglio lo Storming Pizza tornava nella sede di Cà Tron e Ideastartup non poteva certo mancare!
A fare gli onori di casa come al solito Giuseppe Folonari, responsabile per gli investimenti in H-Farm.

Giuseppe ha annunciato l’apertura delle selezioni per la seconda edizione di H-Camp. Si tratta di un fantastico programma della durata di tre mesi, durante il quale dieci start up lavorano sul loro prodotto all’interno di uno spazio di co-working predisposto da H-Farm. Il plus garantito da questa esperienza è la possibilità di confrontarsi con clienti, investitori e partner industriali sin dai primi giorni di incubazione.
La parola è poi passata a Philipp Breitenberger, presidente di Super G, l’organizzazione che raccoglie gli esponenti dei gruppi giovani delle principali associazioni di categoria di Treviso.
Philipp ha presentato il bando start up per iniziative imprenditoriali offerto da Super G in scadenza ad ottobre.
La serata, dopo la presentazione del Ma.d.e.e (master in digital economics & entrepreneurship di Digital Academia) prevedeva pure la discussione di un tema caldo nel campo del digitale. L’ultima volta si era parlato di realtà aumentata, questa volta è toccato ai sistemi di pagamento online.
Si sono evidenziati alcuni dati del mercato italiano e svelate le previsioni per il 2016. Per tale annata si attendono 4 miliardi di euro di pagamenti online, tre quarti dei quali destinati all’acquisto di beni e servizi tradizionali, contrariamente a quanto avviene oggi: la metà dei pagamenti su web riguarda infatti contenuti digitali.
Terminata questa discussione si è finalmente giunti al momento clou della serata. A rompere il ghiaccio Pois, una business idea sui servizi di geolocalizzazione che permette agli utenti di condividere la propria conoscenza del mondo. A detta del fondatore Alessandro Mazzotti, la differenza rispetto ai potenziali competitor (Triposo, Google Location e Foursquare) sta nel fatto che l’app è costruita attorno allo user.
Un’altro progetto start up che punta al crowdsourcing è Guidesavyy, secondo pitch della serata. Particolarità di questa presentazione il fatto che sia avvenuta in inglese, in quanto il team è interamente composto da ragazzi stranieri a conferma della volontà dell’incubatore trevigiano di divenire un hub internazionale.
Il fondatore Dmitri intende sviluppare uno strumento capace di generare audio guide destinate ai turisti. Questo tool rappresenta potenzialmente un’occasione di guadagno e visibilità per le guide turistiche che potranno così condurci nei luoghi più inaccessibili delle città.
Avessimo potuto votare, avremmo certo speso la nostra preferenza per questa brillante iniziativa che potrebbe certo rivitalizzare il mercato del turismo in Italia.
La sfida per questi startupper sarà realizzare un efficace sistema di ranking in grado di incoraggiare gli utenti a caricare i loro contributi.
L’efficacia nel ranking è invece il punto di forza di Cover Clip. Si tratta di un algoritmo utile a gestire le job applications e sollevare il Direttore Risorse Umane da un enorme dispendio di costi e tempo. I vantaggi sono pure per i candidati cui verranno indirizzati preziosi feedback al fine di migliorare il proprio profilo.
Curioso osservare che quest’idea ha preso forma all’edizione di aprile 2013 dello Start up Weekend, svoltosi proprio presso la serra di H-Farm. Questo fatto ci consente di promuovere la validità di queste maratone per hacker, valide quindi per iniziare un vero e proprio percorso impenditoriale nel settore digital.
A supporto di questa tesi va detto che lo stesso incubator ha offerto ospitalità negli ultimi giorni ai ragazzi di CoverClip per dar loro modo di rifinire la presentazione.
Last but not least ad esporre Angrymals, iniziativa start up davvero ambiziosa che mira a competere con AngryBirds, colosso finlandese da 1,7 miliardi di fatturato nel 2012.
A differenziare questo gioco sarà la possibilità di giocare in modalità multiplayer, elemento su cui non ha puntato il videogioco sviluppato da Rovio Mobile.
L’obiettivo è di giungere a 4 milioni di utenti in 12 mesi. Se potesse impressionare questa cifra, vi potrà rassenerare il fatto che i 300 top games su piattaforma Facebook in media raggiungono queste cifre.
Si consideri inoltre che trattandosi di game on line i tempi di diffusione del gioco sono molto rapidi.
Per prolungare il ciclo di vita del prodotto i membri di AngryMals pensano di stutturare l’iniziativa come game as a service, piuttosto che game as a product, assicurando sempre nuove sfide ai giocatori.
Per chi volesse sfidare le prossime start up o semplicemente assistere ad un evento molto cool vi rimandiamo a settembre per il prossimo Storming Pizza!

Related posts
how-to

Che cosa vuol dire "Pivot" e quanto può essere importante?

how-to

6 Business Online di Imprenditoria Femminile che le donne possono iniziare da casa durante la Quarantena

Analisi Startupearly stage startupIn ItaliaIntervistetravel startups

Wanderoo: la vostra garanzia per una vacanza indimenticabile

early stage startupEventiIn ItaliaStartup competition

La rinnovata Unipiazza finalista alla competition di Impact accelerator vinta da Sellf

1 Comment

Comments are closed.