Born to be startup

Proofy: “SIAE 2.0” tutela la creatività e incentiva la condivisione!

1. Cosa vi ha spinto nel dare vita a una startup che possa tutelare in qualche modo le opere digitali?

Proofy è nata da una considerazione molto semplice: i creativi cercano visibilità attraverso le piattaforme  web e i social network. Il problema che hanno è che condividendo musica, foto o immagini su internet si espongono al rischio di plagio. Proofy è una start up che tutela la creatività, ma incentiva la condivisione; perché scrivere una canzone e metterla in cassaforte, non è proprio il massimo. Per questo abbiamo pensato ad una soluzione che permetta a chi sta pubblicando una sua creazione su una piattaforma di condivisione multimediale, di avere una “prova di paternità” . In questo modo si è tranquilli, perché se si viene copiati, si ha modo di dimostrare di esserne l’autore.

2. Come mai come target avete scelto di rivolgervi a scrittori, fotografi, musicisti, designers? C’è un motivo in particolare che vi ha spinto a concentrarvi su tale scelta?

Il motivo per cui abbiamo deciso di indirizzare il nostro servizio principalmente a queste quattro categorie è che queste  più di tutti  pubblicano e condividono contenuti sul web per avere visibilità. Di conseguenza sono più esposti al problema di tutelare la paternità di un’opera. È piuttosto facile prendere su Flickr una bella foto e usarla, magari per scopi pubblicitari, senza che l’autore venga citato o compensato per il suo lavoro. Questa ci sembra una grossa ingiustizia.

3. Perché il target che avete scelto come riferimento dovrebbe affidarsi a voi? Quali sono i vantaggi che potrebbero ricavare come patto-fedeltà?

Il motivo per cui un creativo dovrebbe affidarsi a noi è semplice. Proofy offre  una prova della paternità di un’opera.  La legge sul diritto d’autore (Legge 22 aprile 1941, 633) dice che il diritto d’autore si acquisisce automaticamente con la creazione dell’opera, ma bisogna essere in grado di dimostrare l’esistenza di un’opera ad una certa data. Proofy fornisce questa prova in un modo molto semplice: ad ogni file ricevuto viene assegnato un timestamp (cioè data e ora precisa), successivamente noi teniamo questi file nei nostri database e li sottoponiamo a controllo di integrità. Ciò significa che siamo in grado di dare una prova che qualunque file conservato da noi è integro. Questo aspetto non è da sottovalutare, perchè proprio attorno al problema dell’integrità dei file ruota la validità della prova.

4. Pensa che anche lo Stato debba trovare dei rimedi per combattere la pirateria soprattutto per quel che riguarda la musica?

Io penso che in generale si dovrebbe fare di più per tutelare la cultura, la creatività e il lavoro delle persone. Noi facciamo la nostra piccola parte. Sta anche al buon senso delle persone rispettare e non sfruttare il lavoro altrui.

5. Quali sono le origini del vostro team?

Io, Tiziano e Cristina ci siamo conosciuti durante una delle più straordinarie, bizzarre e istruttive iniziative a cui io abbia mai partecipato: InnovactionLab.  Questo programma è stato ideato da un imprenditore: Augusto Coppola e due docenti universitari: Paolo Merialdo e Carlo Alberto Pratesi, a cui si è aggiunto Roberto Magnifico. Cosa si impara durante questo corso? A creare una start up con le proprie mani! Anzi, dato che è stata da poco lanciata l’edizione InnovactionLab Lombardia, faccio un appello a tutti gli studenti (e non) che vogliono lanciarsi in questa avventura, a non lasciarsi scappare l’occasione, e li invito ad iscriversi. InnovactionLab è stato il nostro trampolino di lancio, e successivamente la nostra idea è stata premiata all’Elis Camp  vincendo il primo premio.

6. Avete avuto tante iscrizioni finora da quando esistete?

Tra poco lanceremo la versione alpha del servizio.  Fino ad ora, il riscontro che abbiamo avuto intervistando il target individuato è stato più che positivo. Soprattutto i musicisti ci stanno quasi pregando di uscire in fretta, perchè stanchi di pagare inutilmente la SIAE.

 7. Come pensate di agire precisamente nel momento in cui venite a conoscenza “per assurdo” che a uno dei vostri iscritti possa venir meno il copyright di un contenuto da lui prodotto?

Se un utente di Proofy scopre che qualcuno ha copiato una sua creazione può utilizzare una delle feature che offre questo servizio. Si invia un link alla persona che lo ha copiato, che permette di verificare su Proofy che quell’opera era stata depositata ad una data precisa. Questo scoraggia la controparte a intraprendere un contenzioso, perchè consapevole che non si avrebbe modo di vincere.

8. Sono previsti dei costi per iscriversi alla vostra piattaforma?

L’iscrizione è gratuita. All’inizio inviteremo chi si è interessato e si è iscritto a testare il servizio. Questo ci aiuterà a customizzare l’offerta alle necessità delle diverse tipologie di creativi. Ci immaginiamo che un fotografo o un designer producano una quantità di “opere” di gran lunga superiore ad uno scrittore, per esempio. Offriremo dei pacchetti  diversi, così chi ha bisogno di tutelare tante creazioni, avrà un account Professional, al contrario di chi invece è soddisfatto da quello basic. Ovviamente avranno prezzi diversi.

9. Quanto pensate di crescere in futuro? Avete in mente altri progetti?

Proofy ha una potenzialità enorme. Ci siamo resi conto che i target individuati pubblicano le loro creazioni su determinate piattaforme. Flickr è la più famosa per i fotografi, Behance,Carmonmade o Deviantart sono utilizzati da designer e illustratori, Myspace e ReverbNation per i musicisti. Ma ancora più semplicemente, molti creativi usano Facebook come vetrina. Quindi abbiamo deciso di  lanciare a breve l’App di Proofy per Facebook. Naturalmente se siete curiosi di saperne di più su Proofy e sul nostro servizio di tutela  ci trovate su Facebook, Twitter e LinkedIn! Oltre che sul nostro sito: http://www.proofy.co/indexita.html

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Articoli

Informiamo gli appassionati e i curiosi sull'ecosistema startup e gli attori al suo interno!

ideastartup on facebook

Copyright © 2015 IdeaStartup

To Top