EventiIn ItaliaNel Mondo

Hello Tomorrow, la competition internazionale è pronta a prendere il via

Floriano Bonfigli, italian Ambassador della competition internazionale Hello Tomorrow, racconta in esclusiva ad IdeaStartup (media partner italiano dell’evento) di cosa si tratta e perchè vale la pena iscriversi.

La riassumo come se fossimo su Twitter: è una competition in cerca delle migliori startup europee.

  • Che ruolo hai tu e come ne sei venuto a conoscenza

Io sono Italian ambassador ed il mio compito è di far conoscere il più possibile questa opportunità in Italia. Di ambassador come me ce ne sono più di 50, sparsi in tutta Europa. E’ un onore far parte di questa comunità, che lavora assolutamente pro-bono. In realtà, io sono fondatore di una startup che si chiama www.collabobeat.com , sono un alumnus di Innovaction Lab di Augusto Coppola ed ho un rapporto di collaborazione scientifica con l’Istituto Adriano Olivetti (ISTAO) di Ancona, una delle prime business school ad essere state fondate in Italia, sul tema della così detta “Innovation Driven Entrepreneurship”. Tutto questo è riportato nel mio profilo LinkedIn, che credo abbia incuriosito gli organizzatori francesi, visto che sono stato contattato proprio da lì.

  • A Chi è rivolto l’evento e perché bisognerebbe iscriversi

L’evento è rivolto a chi ha un progetto d’impresa riconducibile ad uno dei seguenti 5 settori: Bio&MedTech, Big Data, Hardware&Robotics, Energy e l’immancabile ICT/.com

Lo consiglio a tutte le startup che si sentono pronte ad uscire dai nostri confini nazionali, per darsi battaglia su un campo molto più ampio come quello europeo.

  • Ci sono paletti, limitazioni per i partecipanti

Il team deve essere composto da un mimimo di 2 ad un massimo di 10 membri, la metà deve essere nata dopo il 29 gennaio 1978. Se si è in presenza di una società, questa deve essere stata costituita dopo il 29/01/2012 e non deve aver ricevuto più di 200.000€ di finanziamenti, al momento dell’iscrizione alla competition.

  • Quali sono gli step per poter partecipare

Occorre fare application attraverso il sito www.hello-tomorrow.org entro e non oltre il 29 gennaio 2014 rispondendo ad una serie di semplici domande ed inviando un video teaser di appena 1 minuto.

  • Quali opportunità e premi offre l’evento

La prima opportunità è quella di entrare in contatto con un network di giovani imprenditori, mentor ed advisor proveniente da tutta europa, difficilmente accessibile in un colpo solo.

Passando al sodo, c’è 1 premio da 100.000€ e 4 da 15.000€, il tutto “no equity involved”, come si dice in gergo. Infatti, Hello Tomorrow è una iniziativa di un’associazione no-profit ed il montepremi è offerto interamente dagli sponsor, tra cui importanti multinazionali francesi come Orange, Airbus, Total, Michelin, Saint Gobain e Axa. Infine, ci sono diversi altri “perks” che vi lascio scoprire andando direttamente al sito.

  • Riusciremo a tenere alta la bandiera italiana in questo evento internazionale?

Onestamente, come Italian ambassador, mi sono posto 2 obiettivi. Il primo è portare l’Italia entro i primi 3 posti, come numero di startup iscritte alla competition, in modo da far capire a tutta Europa che non siamo affatto ai margini di questo nuovo ed importante movimento. Il secondo è quello di avere almeno una startup italiana vincitrice di un premio in denaro, per far intendere che oltre alla quantità c’è anche qualità in quello che facciamo qui. Negli ultimi 2 mesi, ho avuto contatti con più di 20 tra incubatori ed acceleratori ed oltre 15 startup. Ma credo che si possa fare di meglio. Infatti sono qui a chiedere l’aiuto di tutti coloro che ci stanno leggendo: andate sul sito www.hello-tomorrow.org e condividetelo in modo che possa arrivare alle persone giuste. L’Italia ne è piena.

Related posts
how-to

Che cosa vuol dire "Pivot" e quanto può essere importante?

how-to

6 Business Online di Imprenditoria Femminile che le donne possono iniziare da casa durante la Quarantena

Interviste

Teyuto - startup italiana focalizzata sulla monetizzazione dei video premium per professionisti

Analisi Startupearly stage startupIn ItaliaIntervistetravel startups

Wanderoo: la vostra garanzia per una vacanza indimenticabile