EventiIn Italia

Edison Start – uno sguardo a “GeoTag Cittadino” in concorso nella categoria smart communities

In occasione del suo 130esimo anniversario la società Edison ha indetto un concorso “Edison Start”, rivolto a PMI, team di persone fisiche e start up innovative, che premia il progetto che meglio risponde al binomio tecnologia-innovazione.

Sono tre le categorie per le quali è possibile concorrere:

  • Sviluppo sociale (miglioramento delle condizioni di vita, integrazione sociale);
  • Energia (soluzioni e tecnologie innovative);
  •  Smart communities (impattare positivamente nella qualità della vita domestica e della comunità).

Siamo andati ad intervistare in particolare un gruppo di ragazzi di Rovigo che ci hanno spiegato cosa riguarda il loro progetto e perchè hanno tutte le carte in regola per poter essere competitivi.

GeoTag Cittadino” è il nome del progetto, in concorso per la categoria smart communities, proposto da un team di ragazzi di Rovigo formato da, Andrea Ruzzante, Claudio Previatello e Laura Cominato la cui idea nasce fondamentalmente da un’esigenza che si è palesata muovendosi attraverso il centro di Rovigo e di altre città in genere (Bologna, Ferrara, Padova) dove si è riscontrato una profonda inadeguatezza a livello di cura e manutenzione del suolo che si riflette sulla mobilità e sulla viabilità stessa. Si parla di strade mal ridotte, marciapiedi rovinati, verde pubblico senza manutenzione ecc

Il progetto nasce come risposta a questa domanda: come possiamo far collimare queste problematiche, attualizzandole ai giorni nostri dove la maggior parte delle relazioni si svolgono attraverso i social più in voga (Facebook, Twitter, Instagram, Telegram..)?

L’idea alla base è semplice e prevede che si crei, all’interno del Comune, un server che funga da registratore di tutte le segnalazioni che sono fornite dall’utente, ovvero il cittadino. I due punti focali sono come queste segnalazioni vengano prese in carico e come poi vengano gestiti i problemi che ne sono l’origine. Si considera che  la maggior parte dei cittadini in età tra i 21-35 anni sia in possesso di uno smartphone o in genere di un dispositivo mobile in grado di assicurare un accesso alla rete internet e nello specifico ai social sopra citati, consentendo a ciascuno di noi di segnalare un problema quando ne prende coscienza in qualunque momento della giornata. Per far questo basta utilizzare un particolare simbolo che è entrato a tutti gli effetti come parte della comunicazione via web: l’hashtag.

Gli aspetti innovativi di questo progetto si caratterizzano, in primo luogo, per un rapporto di fiducia tra il cittadino ed il comune e viceversa, garantendo anche un migliore servizio fornito agli abitanti ed anche andando a limitare i rischi legali ed economici da inadempienze che graverebbero sul comune stesso. Secondo punto importante è la possibilità concreta di creare nuovi posti di lavoro o di utilizzare forze lavoro che altrimenti sarebbero sprecate. Si pensi ad esempio a quelle persone che hanno subito una condanna a lavori socialmente utili o lavori di pubblica utilità che dovendo scontare una pena potrebbero essere impiegate al servizio di questo tipo di progetto garantendone il lavoro (nel caso sia prevista retribuzione) e dignità sociale. Oltre a questo si potrebbe pensare d’istituire una classifica dove i cittadini più meritevoli possano essere inseriti per avere qualche riconoscimento o premio. Ad esempio, nel caso di studenti, si può ipotizzare che il comune riservi una borsa di studio o che si accolli l’onere delle tasse universitarie dell’anno accademico.

Si cerca di creare un modo tangibile di riconoscere al cittadino meritevole il suo servizio. Una sorta di meccanismo “do ut des” che dia il giusto input. Inoltre il cittadino stesso controllerà il lavoro del comune e dei suoi collaboratori mettendo sotto luce la capacità e l’impegno che vengono spesi approvandone o meno il suo operato, diventando una sorta di  sentinella “buona” . Diventa tutto molto più snello e veloce. Un’ultima importante novità e opportunità che il “GeoTag Cittadino” propone è la possibilità concreta di creare occupazione ed impiego di risorse a basso costo garantendo un impatto sociale di sicuro successo.

Il bando resterà aperto fino al 31.03.2014 data oltre la quale non sarà più possibile presentare e proporre i propri progetti. Mancano ancora pochi giorni, date libero sfogo alle vostre idee ed iscrivetevi!

 

 

Related posts
how-to

Che cosa vuol dire "Pivot" e quanto può essere importante?

how-to

6 Business Online di Imprenditoria Femminile che le donne possono iniziare da casa durante la Quarantena

In Italia

Situazione Ecosistema Tech Italiano 2020

Nel Mondo

5 Keys to Become a Successful Woman