how-to

Smart & Start: il Mezzogiorno innova

Sei uno startupper alla ricerca di finanziamenti e vivi al Sud?

Ecco la soluzione: Invitalia, agenzia governativa per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, ha messo in atto un programma di incentivi per le startup del Mezzogiorno, denominato “Smart & Start”.
I numeri possono dare un’idea della portata del programma di sostegno finora avviato: delle 890 domande di ammissione alle agevolazioni, oltre 200 sono state accolte e 294 sono in fase di valutazione, al fine di assegnare agli imprenditori più meritevoli i 190 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero per lo Sviluppo Economico. Più nello specifico, due sono le tipologie di sostegno: agevolazioni Smart, che consistono in contributi a fondo perduto per far fronte ai costi di gestione durante i primi anni di avvio di imprese che prevedano soluzioni organizzative o produttive innovative e/o che siano orientate a intercettare nuovi mercati e nuovi fabbisogni. Le startup innovative ubicate in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia o nei Comuni del Cratere Sismico Aquilano sono le beneficiarie di tale misura d’intervento, per la quale sono disponibili 100 milioni di euro.

Le agevolazioni Start sono invece contributi a fondo perduto a copertura delle spese per le società che intendono operare nel digitale e realizzare programmi di investimento ad elevato contenuto tecnologico. A tal proposito sono disponibili 90 milioni di euro, in favore di startup localizzate in Calabria, Campania, Puglia, Sicilia o nei Comuni del Cratere Sismico Aquilano.

Chi propone pertanto un modello di business innovativo dal punto di vista organizzativo o produttivo, rivolto a nuovi mercati o a nuovi bisogni può essere un buon candidato per l’agevolazione Smart, che va a coprire un range che va dal 15% al 35% dei costi sostenuti annualmente per oneri finanziari, personale, affitto, leasing e ammortamenti di immobilizzazioni tecnologiche.

Chi ha un piano d’impresa orientato all’economia digitale, o alla valorizzazione dei risultati della ricerca pubblica o privata, può ricevere i contributi legati all’iniziativa Start; contributi pari al 65% dei costi di investimento, o pari al 75%, in caso di startup costituite unicamente da giovani sotto i 36 anni e/o da donne.

Chi risponde ad entrambi i requisiti, può puntare all’ottenimento di contributi derivanti da entrambe le iniziative.

Ecco che tale programma può costituire un significativo punto di partenza, un mezzo utile per risollevare un territorio e permettere così alle idee di uscire dal “bozzolo dell’impossibilità”, facendo loro spiccare il volo.

Per maggiori info: www.smartstart.invitalia.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Articoli

Informiamo gli appassionati e i curiosi sull'ecosistema startup e gli attori al suo interno!

ideastartup on facebook

Copyright © 2015 IdeaStartup

To Top