In Italia

7 Domande da farti prima di iniziare un Business

iniziare business

Lanciarsi in una nuova avventura non è mai facile e molti “would-be entrepreneurs” diventano rapidamente turbati dal duro lavoro e dall’incertezza del nuovo stile di vita. Non ci si può preparare per ogni aspetto del lancio di un nuovo business, ma ci sono alcune domande chiave che ci si dovrebbe porre prima di tuffarsi in una nuova avventura:

1.       Quanto bene lavori senza il “playbook”?

Necessiti di guida costante e motivazione dagli altri? Quanto bene riesci a gestire il tuo tempo senza che nessuno ti ponga scadenze? Molte persone pensano che essere l’unico a decidere renda la vita più facile, ma invece non è così. Potrebbe essere complesso iniziare quando non c’è una chiara indicazione di cosa vuoi fare e di dove vuoi arrivare. Gli imprenditori di successo sono molto spesso indipendenti, pieni di risorse e non hanno bisogno di qualcuno che gli dica di essere efficienti e produttivi.

2.       Sei un inventore o un imprenditore?

Molte delle startup di successo sono formate da idee grandiose, non sempre però un ottimo prodotto o invenzione è sufficiente per fare un buon business. Troppe volte un “inventor” sta troppo orientato al prodotto, al prototipo, al brevetto, ecc., ignorando tutti gli altri aspetti dello sviluppo del business. Solo perché sviluppi un buon prodotto non è detto che il cliente viene immediatamente a bussarti alla porta, gli imprenditori lo capiscono. Questo non vuol dire che se ti consideri un inventore questo ti preclude il fatto di lanciare un tuo progetto, ma forse dovresti cercare un partner che sia complementare con le tue skills e interessi e che ti aiuti a portare l’idea ad un livello successivo.

3.       La tua idea di business offre valore ai clienti?

Non c’è dubbio che la passione è un aspetto chiave del  successo, ma per poter costruire un business profittevole hai bisogno di offrire qualcosa che qualcuno sta cercando. Dopotutto al mercato non gli importa che stai perseguendo il sogno della tua vita, le persone spendono soldi in prodotti o servizi che soddisfano un desiderio. Se non c’è un bisogno da parte dei clienti, il business fallirà!

4.       Per cosa si differenzia il tuo business?

La tua idea/prodotto è molto simile ad un business già esistente? O hai qualcosa unico da offrire? Quanto affollato è il marketplace? Queste sono interessanti domande a cui devi pensare, ma tieni in mente che la chiave del successo non sempre consiste nel trovare un mercato inesplorato. In sostanza, non sempre devi far nascere una nuova idea rivoluzionaria, monitora sempre il settore in cui vuoi tuffarti e cerca di capire in che direzione sta andando.  Cerca di dare al cliente una buona ragione per sceglierti rispetto ai concorrenti.

5.       Te la senti ti diventare il factotum della tua startup?

Se sei un dipendente di un’azienda c’è sempre qualcun altro che può risolvere un problema, di qualsiasi natura esso sia. Lanciando un nuovo business tipicamente si è destinati a fare un po’ di tutto, puoi essere un programmatore e dopo un ora gestire una contrattazione di acquisto, passare dal fare un questionario a parlare con un VC internazionale. Prima di decidere di intraprendere questa strada sii sicuro di essere in grado di poter gestire il tutto, soprattutto le cose più noiose che nessuno ha voglia di fare.

6.       Hai il supporto finanziario adeguato per iniziare subito?

Quando stai lanciando una unuova startp, il tuo business può non essere profittevole per almeno 3-5 anni, è importante essere realistici su come supporterai finanziariamente il tuo progetto, ma soprattutto te stesso. In molti casi, il miglior momento per preparare il lancio del tuo business è quando stai già lavorando da un’altra parte.

7.       Come gestisci rifiuti e delusioni?

Quando sei fortemente preso in quello che fai, è molto difficile superare i rifiuti soprattutto se di natura personale. Tuttavia, essendo un imprenditore, andrai in contro a molte brutte notizie, forse da un investitore, da un cliente o da un collega. Il segreto è gestire ogni singola situazione come una storia a se, continuare a ripensarci e voler a tutti i costi capire il perché è una perdita di tempo e soprattutto non ti permetterà di crescere ed acquisire esperienza.

 

Click to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Articoli

To Top