Eventi

Rush finale per 360by360 Competition!

360by360 competition

“Sta per cominciare l’ultimo giro! Tutti lottano per il primo posto! Nessuno vuole mollare! Tutti vogliono contendersi le luci del successo! Buongiorno Italia! Se vi siete svegliati adesso, sappiate che sono gli ultimi giorni prima del traguardo finale!”

Se fosse la gara finale del campionato del moto GP, sarebbe una telecronaca degna dell’ultima tappa, con un Guido Meda in ottima forma!

In realtà, non ci sono atleti su due ruote a competere, e il riconoscimento finale ha un sapore diverso rispetto ad un trofeo!

Anche quest’anno 360 Capital Partners (società specializzata in Venture Capital che investe tramite i fondi gestiti in aziende innovative europee) ha portato avanti l’iniziativa 360by360 Competition, finalizzata a valorizzare l’ecosistema italiano dell’innovazione attraverso il supporto, finanziario e operativo, alle più eccellenti startup nazionali.

La mission? Parla da sè: $ 360.000 per finanziare l’innovazione a 360°.

I settori di destinazione? Quelli che cavalcano l’onda dell’innovazione: Digital, Industrial & Cleantech e Medical Devices.

Il bando si è chiuso lo scorso 31 Ottobre e ha visto l’adesione di 355 progetti: prevale il settore Digital, che occupa il 77% delle candidature, seguito dall’Industrial & Cleantech (13%) e dal Medical Devices (10%).

Da considerare il dato relativo alle startup già costituite, che sale al 75 % delle candidature (rispetto al 50% circa delle application ricevute nella prima edizione).

Altra interessante analisi riguarda  lo stadio di sviluppo del prodotto: solo il 19% delle startup ha un prodotto ancora in concept phase, mentre il 36% ha già ultimato lo sviluppo del prodotto e il 45% dei progetti partecipanti ha già un prodotto sul mercato con dei clienti. Inoltre, oltre la metà dei progetti (54%) ha già effettuato un test del mercato, anche se un 11%  solo attraverso una beta o prototipo.

Ci troviamo ora nella terza fase,  lungo il rettilineo che porta al traguardo finale: il 21 Gennaio 2015 si terrà l’evento conclusivo della Competition  (palazzo Mezzanotte, Milano) durante il quale le startup selezionate si sfideranno a colpi di pitch per presentare il proprio progetto.

Ciascuna avrà a disposizione 15 minuti per convincere la giuria ad essere la candidata ideale per il titolo: 10 minuti in cui giocarsi le carte migliori, durante i quali presentare le proprie idee innovative, e cinque per rispondere alle domande della giuria. Una bagarre di business model dal quale solamente una startup verrà nominata vincitrice.

A scegliere le finaliste, 360 Capital partner e altri Partner d’eccezione scelti tra i principali attori del panorama italiano dell’innovazione. Giusto per stuzzicare l’interesse, vale la pena nominare H-Farm, Impact Hub, Nana Bianca, e molti altri incubatori e acceleratori d’impresa, parchi scientifici e tecnologici,business angel network e business plan competition nazionali.

A sostegno dell’innovazione, 7 sponsor che hanno messo a disposizione delle vincitrici le proprie competenze o i servizi tipici del loro settore di provenienza: Cleary Gottlieb & Hamilton (main sponsor) mette in palio 10 ore di assitenza legale, Deutsche Bank (Silver Sponsor insieme a KPMG, Business Integration Partner, Edmond de Rothschild) mette a disposizione un conto corrente business a zero spese per 12 mesi.

Selezionare le 18 finaliste non è stato facile, tanto che sono state ammesse 2 ulteriori startup rispetto alle 16 preventivate; scegliere sarà davvero difficile per la giuria della finale, che sarà chiamata ad esprimere le proprie valutazioni sulla base dei seguenti criteri:

Competenze del team, conoscenza del settore, realizzabilità del progetto;

– Stadio di sviluppo del prodotto/servizio;

– Grado di innovazione e difendibilità della stessa;

– Contesto competitivo e posizionamento;

– Rispondenza con i bisogni del mercato e della clientela e dimensione della stessa;

– Ritorni economici prospettici.

Chi vincerà, ancora non possiamo saperlo, ma quel che è certo è che si prospetta una finale scoppiettante, all’insegna dell’high tech: dai sensori aerospaziali applicati allo sport e fitness (Beast Technologies), passando per la bulding automation (BassBox, il cui team è stato il primo italiano selezionato da YCombinator per la finale e che ha già ricevuto importanti finanziamenti da LVenture e Seek web),  fino alle piattaforme di indoor positioning (GiPSteach, già vincitrice del Techcrunch Italy 2013 e del Telecom WCAP).

Non potevano mancare le app mobile, che rappresentano ancora terreno fertile per dare vita ad idee innovative (Check Bonus, Quokky, Xceed – quest’ultima ha già ricevuto un funding di 25k€ e vanta già più di mezzo milione di prenotazioni sul portale); interessanti sembrano poi i progetti del settore immobiliare, che puntano a segmenti di mercato di sicura appetibilità, come quello degli affitti immobiliari (Gromia, ma soprattutto BnbSitter, che ha coinvolto più di 7000 viaggiatori e che è riuscita a fare balzi in avanti anche grazie ai 400K€ di funding ricevuti) .

C’è spazio anche per i social che riescono addirittura a sconfinare nel settore food (Gnammo, Good Appetito).

Presente anche Supermercato24.it, la piattaforma online per fare la spesa al supermercato e riceverla anche in un’ora. Si tratta di una startup copycat, cioè validata in un Paese e replicata in un altro. Le metriche di questa startup dimostrano una crescita molto rapida ed il founder Enrico Pandian è un imprenditore seriale di successo: con Prezzi Pazzi ha già raggiunto € 2,8 milioni di fatturato. Una storia che ricorda molto quella del vincitore della prima edizione, Francesco Fusetti con la sua CharityStars.

 

Noi non vediamo l’ora di farci contagiare da questa ondata di innovazione! E voi…. Per chi fate il tifo?

 

Click to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Articoli

To Top