libri per startupper

Fintech Revolution: un manuale per capire come sta cambiando la finanza

fintech revolution matteo rizzi

 

Il posto di lavoro in banca è storicamente visto come una posizione sicura e duratura nel tempo. Ad oggi però questa affermazione ha ancora poco di vero, perché di questo passo le banche così come le conosciamo, riusciranno a sopravvivere ancora per pochi anni.

La tecnologia è arrivata a rivoluzionare anche il settore finanziario, portandolo a realtà che pochi anni fa nessuno si sarebbe immaginato.

Nel libro “Fintech Revolution” pubblicato da Talent Garden in collaborazione con Egea e scritto da Matteo Rizzi , considerato tra i 40 professionisti del fintech più influenti in Europa, viene ben delineato un panorama che negli anni sta cambiando molto rapidamente. Questo libro fa parte dei TAG Books, la collana di libri dedicati all’innovazione: del primo libro dedicato all’App Economy ve ne abbiamo già parlato.

Nel mondo della finanza il progresso avviene per disruption: ne sono un esempio le carte di credito, non così diffuse fino a pochi anni fa, che presto non esisteranno più sul mercato e i pagamenti avverranno via app da smartphone.

Il mercato appartiene a chi riesce a cancellare le inefficienze, come i nuovi strumenti di deposito che, avendo base online, riescono a offrire un servizio più immediato e sempre disponibile. Per questo motivo sempre meno giovani si recano in banca, preferirendo aprire conti correnti online che, avendo anche un costo minore, sono a loro più vantaggiosi.

La banche così come sono concepite ora non sopravviveranno poiché si sono mostrate poco sensibili ai cambiamenti, mantenendo dei servizi uguali per troppo tempo: alcune di queste hanno aperto divisioni innovative o hanno acquisito startup del mondo fintech, che spesso necessitano di una licenza bancaria per operare.

Inoltre, grazie alla tecnologia, le startup fintech sono in grado di offrire al cliente servizi personalizzati in base alle nostre necessità. In questa direzione si sono rivolti i social network come Facebook che, conoscendo molto della nostra vita, è in grado di studiare il profilo di ognuno di noi e proporci un servizio ad hoc.

Il movimento fintech si sta sviluppando intorno ai nuclei finanziari storicamente più avanzati, gli Stati Uniti e, in Europa, Londra. Tuttavia è riuscito anche ad innovare in paesi molto meno avanzati: M-Pesa, nato nel 2007 grazie ai tre maggiori operatori telefonici di Kenya e Tanzania, permette di scambiare denaro in modo rapido e sicuro via sms, generando un traffico totale superiore a 4 miliardi di dollari nel 2015.

L’Italia, purtroppo, è un paese disorganizzato che ha paura di innovare in questo campo: gli investimenti sono davvero pochi e il governo ancora sembra ignorare le reali potenzialità del fintech.

sardex-money-logo-startup

Tuttavia è in Italia che è nata una delle diverse monete virtuali ormai presenti su mercato: si tratta di Sardex che, come suggerisce il nome è nata in Sardegna, offre alle aziende iscritte alla rete un metodo di pagamento reciproco, creando un circolo che genera valore solo quando avviene uno scambio e che dunque si autoalimenta promuovendo il mercato locale.

Il libro presenta in modo semplice e chiaro un panorama che tuttavia è complesso e che, ad oggi, ha ancora delle incognite alle quali solo il tempo darà delle risposte.

Come sarà il mercato finanziario tra qualche anno nessuno può infatti prevederlo, e questo manuale ci offre tutti gli strumenti per provare ad immaginare, imparando dal passato e dal presente, come potrà essere il futuro.

per acquistarlo: Amazon

Click to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Articoli

To Top