how-to

Che cosa vuol dire “Pivot” e quanto può essere importante?

Agli inizi dello scorso decennio Cowboy Ventures  fece un’analisi delle aziende tech nate in America nell’ultimo decennio  che ora sono valutate più di $1B. Hanno trovato 39 aziende che avessero queste caratteristiche  e le hanno rinominate “Unicorn Club”. L’obiettivo di questa ricerca  è stata quella di capire i 10 insegnamenti chiave che hanno portato al successo, uno dei key learnings più interessanti può essere visto come: “the big pivot after starting with a different initial product is an outlier”.

Ma prima di tutto, che cos’è un Pivot?

Il pivot è una fondamentale intuizione, visione del “lean startup”  . Il concetto è che nella tua nuova startup hai tutta una serie di ipotesi non ancora testate, a questo punto la cosa migliore da fare è “get outside of your building” e testa, chiedi, informati, confrontati con i potenziali clienti e utilizzatori. Quello che stai facendo serve? Qualcuno lo acquisterà mai? Se le tue ipotesi erano giuste continua per quella strada, se sono sbagliate sei ancora in tempo per cambiare rispetto a dover risolvere crisi future, cambi semplicemente le ipotesi.

Il pivot non è semplicemente un cambio del prodotto, il pivot può consistere in un cambiamento di tutte e 9 le differenti parti del tuo business model, potrebbe voler dire cambiare il tuo segmento di mercato, i canali con cui arrivi al cliente, costi, partners, la tua strategia mantenendo però  la vision della tua startup.

A questo punto però bisogna capire anche, che cos’è un business model?

Il modello di business può essere visto  come un disegno che mostra tutti i flussi tra le varie parti della strategia della tua startup. A differenza di un grafico organizzativo, ossia un diagramma che mostra le posizioni lavorative e le relative funzioni, il business model fa vedere come fare soldi senza entrare in dettagli procedurali e meccanici dell’organizzazione.

Un ottimo esempio di business model può essere inteso come il Business Model Canvas che raccoglie tutte le complicate parti del business e le combina in un solo diagramma.

Ricapitolando:

  1. Pivot non è solo quando cambi il prodotto;
  2. Pivot è un sostanziale cambio da 1 a 9 componenti del business model canvas;
  3. Quasi tutte le startup cambiano qualche parte del loro business model dopo la creazione;
  4. Le startup che si focalizzano solo sul cambiamento del prodotto limitano le loro scelte strategiche – “it’s like bringing a knife to a gunfight”.

Nel 2020 tante startup hanno dovuto riaddatarsi al mercato Tech italiano visto l’impatto della pandemia che da un lato ha anche velocizzato il processo italiano di digitalizzazione. Alcune di queste startup da non perdere di vista hanno beneficiato dell’accelerazione soprattutto e-commerce di questo inizio di 2020 e altre invece hanno dovuto cambiare il loro scope pur sempre mantenendo chiaro la loro visione, quante di queste riusciranno a superare questo periodo di crisi?

Related posts
how-to

6 Business Online di Imprenditoria Femminile che le donne possono iniziare da casa durante la Quarantena

In Italia

Situazione Ecosistema Tech Italiano 2020

Nel Mondo

5 Keys to Become a Successful Woman

In Italia

Pet Food: Arriva Dog Heroes! startup che consegna a domicilio cibo fresco e salutare per cani

Leave a Reply